Aspetti psicologici

ASPETTI PSICOLOGICI NELLA DIAGNOSI E CURA DELL’INFERTILITA’ DI COPPIA

È ormai diffusa la consapevolezza sulle difficoltà psicologiche che accompagnano la condizione di infertilità, difficoltà che coinvolgono sia l’individuo che la coppia dando luogo a frustrazioni, stress, senso di inadeguatezza e perdita.

Disturbi emozionali cronici e problemi psicosociali possono svolgere un ruolo fondamentale nel determinare l’infertilità e investono l’esperienza complessiva dell’infertilità stessa e della sua terapia, associata a lunghe indagini diagnostiche e all’intensività dei trattamenti. Fattori che possono provocare un forte disagio psicosociale e sessuale contribuendo al mantenimento o al peggioramento della condizione di infertilità.

Percorso psicologico di coppia nella fecondazione assistita

L’ipotesi che stress emozionali possano influenzare l’ovulazione e la spermatogenesi è supportata da diverse osservazioni nell’ambito della medicina psicosomatica. Lo “stress”, ad esempio, può avere un ruolo soppressivo sulle funzioni gonadiche.

Inoltre un ruolo non trascurabile nell’impossibilità di avere figli, viene giocato dalle disfunzioni psicosessuali, come l’impotenza e il vaginismo.

In sostanza la componente psico-emozionale può incidere sulla fertilità con meccanismi diversi attraverso il sistema neurovegetativo e neuroendocrino creando disfunzioni acute e croniche.

Altro aspetto da considerare sono poi gli effetti sulle conseguenze psicologiche dell’infertilità, in termini di ansia, stress psicosociale, frustrazioni, disadattamento coniugale etc.

A livello di coppia l’infertilità può inficiare le sfere della comunicazione, dell’attività sessuale e dei progetti futuri e dare luogo a una condizione di conflitto e di isolamento sociale.

L’utilizzo di tecniche volte alla risoluzione dell’infertilità – come inseminazione intrauterina, FIVET, ICSI, TESE – comporta poi specifiche problematiche psicologiche in relazioni al tipo di procedure da utilizzare, dai tempi di trattamento, al coinvolgimento di terze persone (medici) in una sfera tanto intima e “sensibile”.

Lo stesso percorso di riproduzione assistita può ingenerare paure, tensioni, ansie, dovute una serie di fattori concatenati: l’alta frequenza di controlli, il grande numero di variabili che ne condizionano l’esito, le probabilità di successo non sempre elevate, il rapporto tra aspettative e timori di delusione.

Da questo scenario emerge con chiarezza come la componente medica e quella psicologica non possano essere separate, né per quanto riguarda la diagnosi né rispetto al trattamento dell’infertilità.

psicologia in fecondazione assistita

Un importante obiettivo della consulenza per la coppia deve essere quello di “gestire” e “minimizzare” l’impatto psicologico ed emozionale degli eventi medici che la coppia deve affrontare. Per farlo è necessario valorizzare la risorsa dell’informazione, una informazione costante che ponga i pazienti in condizione di avere conoscenza e coscienza dell’intero processo, a partire dagli esami specialistici da fare e dalle loro finalità. Fino ad ottenere atteggiamenti positivi che comprendano anche una serena valutazione dei risultati.

Tutto questo può ridurre sensibilmente nei pazienti l’emergere di sentimenti di ansia, stress, perdita di controllo della situazione. Sentimenti che sono sempre legati alla delicatezza e alla profondità emotiva della questione infertilità, ma che proprio per questo devono essere gestiti con la massima consapevolezza e con il massimo coinvolgimento. è anche da qui che passa una concezione moderna e completa della fecondazione assistita, rispettosa della persona e del suo fondamentale universo emotivo.

Percorso di coppia in fecondazione assistita

Per iniziare un percorso di coppia

Oppure chiama lo 06.5413842 (3 linee r.a.) durante gli orari di segreteria : Dal Lunedì al Venerdì - dalle 8.30 alle 19.00